publication-banner-image

30.00 د.إ

ISBN: 978-9948-04-387-4

أضف إلى السلة اشتري الآن

La Struttura Economica Dell’Associazione dei Fratelli Musulmani Reti Monetarie, Affari e Finanziamento

المؤلف: TRENDS

السنة: 2022

اللغة :الإيطالية

Riepilogo esecutivo – Fin dal suo inizio, l’interesse economico dell’Associazione dei Fratelli Musulmani è stato accompagnato di pari passo con i suoi interessi per la da’wah e la politica. Il fattore economico, insieme alle sue scelte di da’wah e orientamenti politici, è diventato una delle dimensioni fondamentali nella formulazione della visione ideologica dell’Associazione, fino a quando gli uomini d’affari finirono per dominare le questioni di organizzazione e teorizzazione e così l’Associazione divenne - come espresso da uno dei suoi leader dissidenti riguardo questa questione, “ un’associazione guidata da cassieri e banchieri e non più da studiosi e predicatori”. – La ricerca nel fascicolo economico dell’Associazione dei Fratelli Musulmani costituisce un compito molto difficile a causa delle complesse misure precauzionali che l’Associazione segue per cancellare le proprie fonti di finanziamento e del modo in cui gestisce la propria ricchezza finanziaria e le aree di spesa. La sua pratica di manipolare i modi per eludere la censura del governo - e persino la supervisione interna - l’ha aiutata a farlo, impiegando anche le sue estese esperienze storiche nei suoi rapporti tesi con i governi successivi e la magistratura. – Il discorso economico dei Fratelli Musulmani si ramifica da quello ideologico generale basato su tre principi fondamentali: 1- L’Islam è un sistema di vita integrato e autosufficiente; 2- L’Islam è un sistema che si forma e si basa su due fonti principali che sono il Corano e la saggezza del Profeta nella sua biografia e la sua Sunnah; 3- L’Islam è un sistema applicabile in tutti i tempi e in tutti i luoghi del mondo. – La stretta connessione tra economia e ideologia è evidente in quanto sono i due elementi più importanti della mente dell’Associazione oltre all’organizzazione, per analogia con le determinanti della mente politica islamica, che Muhammad Abed al-Jabri ha limitato al “clan, il bottino e il credo ”come chiavi con cui leggere la storia araba e islamica. Praticando una sorta di proiezione sistematica di queste determinanti sul caso dei Fratelli Musulmani, troviamo che la fede basata sulla religione è diventata un’ideologia e il clan basato sul fanatismo è diventato un’organizzazione, mentre il bottino basato sul guadagno con la forza è trasformato in economia. – L’economia dei Fratelli Musulmani è caratterizzata dal suo essere diretta al servizio del progetto intellettuale e politico dell’Associazione, e ha la capacità di adattarsi a vari sistemi politici, ed è un’economia politicizzata che tende alla religiosità dove l’Associazione cercò di impiegare la religione per sviluppare le proprie risorse finanziarie e costruire il proprio impero economico. È un’economia familiare legata a rapporti di parentela e matrimoni misti tra i leader e membri dell’Associazione, e d’altra parte è un’economia che investe in attività di consumo a rapido profitto ed evita gli investimenti in beni capitali che costruirebbero una forte economia nazionale, ed è anche un’economia globalizzata e aperta al mondo, che ha permesso all’Associazione di sfruttare le lacune esistenti in alcuni rifugi sicuri per aumentare le proprie capacità economiche. – L’Associazione ha prestato particolare attenzione alla questione finanziaria all’interno dei propri documenti e regolamenti organizzativi, sia in termini di modalità di incasso, aspetti di spesa, o ripartizione amministrativa delle responsabilità. Inoltre ha creato all’interno della propria struttura amministrativa la carica di revisore dei conti, tesoriere e comitato finanziario come elementi amministrativi per controllare la circolazione dei fondi all’interno della sua struttura organizzativa. Ciò è dovuto alla sua consapevolezza dell’importanza del denaro nel rafforzare la forza dell’organizzazione e nel garantire la sua continuità e indipendenza, oltre a dimostrare “trasparenza” ai suoi seguaci, aumentare la loro fiducia nella sua leadership e testare il grado della loro disponibilità a sacrificarsi per essa. – Al-Banna e i suoi fratelli, dopo essersi trasferiti al Cairo nel 1932, ricevettero un generoso sostegno di diversi partiti politici che vedevano l’Associazione come un’entità missionaria educativa che si estende socialmente e che non ha alcun coinvolgimento in politica, oltre a beneficiare dei fondi del palazzo e anche del sostegno delle potenze occidentali, guidate dall’autorità di occupazione britannica. Riuscì inoltre ad adattarsi alle politiche seguite in Egitto dopo l’indipendenza e ad impiegarle per sviluppare la sua ricchezza finanziaria. – La grande ambizione dell’Associazione di adottare una visione olistica nell’affrontare le questioni della religione e del mondo, le questioni della nazione e della Ummah, dell’individuo e della compagnia - soprattutto dopo la sua trasformazione in un periodo successivo in un attore regionale e internazionale nell’arena del campo politico, e la rete finanziaria globale, grazie alla sua organizzazione internazionale - ha spinto la sua leadership ad espandere le risorse finanziarie della comunità per includere oltre alle fonti “individuali”, rappresentate da contributi, donazioni e fondi zakat, fonti “istituzionali” rappresentate in progetti di investimento direttamente o indirettamente affiliati all’Associazione. – l’Associazione ha rafforzato la sua presenza nei paesi occidentali, vigilando su progetti che divennero noti come “commercio halal”, aumentando così la quantità di denaro che raccoglie dai profitti delle aziende che operano all’estero. I progetti dell’Associazione hanno ricevuto anche facilitazioni amministrative da numerosi governi stranieri grazie alla capacità dell’Associazione di sfruttare le leggi del paese, o per la sua affinità ideologica con il governo di quel paese, o per i suoi interessi compatibili con esso, e per la sua capacità di essere impiegata per ottenere guadagni geopolitici. – L’intrusione dell’Associazione dei Fratelli musulmani nelle istituzioni statali e sociali in un momento in cui l’Egitto ha assistito a un maggiore estremismo nel linguaggio delle organizzazioni terroristiche ha alimentato la preoccupazione per la crescente influenza dell’Associazione nel mercato finanziario e commerciale, soprattutto dalla fine degli anni ‘80, e ha anche iniziato a infestare il sistema di governo del paese, soprattutto dopo che i rapporti di stampa erano preoccupati a quel tempo dagli atti terroristici e i movimenti sospetti dei leader dei Fratelli Musulmani e hanno esacerbato notevolmente i timori del regime al potere riguardo alle compagnie che impiegavano fondi gestiti da membri dell’Associazione. – I circoli politici, di sicurezza e intellettuali in Europa stanno esprimendo la loro preoccupazione per lo spostamento dei fondi dell’Associazione fuori controllo e per la spaventosa crescita dell’influenza dell’Associazione nei ranghi dei musulmani europei, che in gran parte hanno acquisito la nazionalità del paese di residenza. Tra loro c’è Nadia Sminet, capo della Commissione antiterrorismo al parlamento belga, che nel dicembre 2017 ha ritenuto che il conferimento di poteri dei Fratelli Musulmani in Europa contribuisse a minare l’integrazione dei musulmani nei paesi europei, aggiungendo che la questione risulta estesa “allo sfruttamento delle loro risorse finanziarie per diffondere l’estremismo e per utilizzare le terre europee come base per avviare le loro attività terroristiche in vari paesi del mondo”. – L’arrivo al potere dell’Associazione in Egitto costituì un vero banco di prova delle sue intenzioni, poiché cercava, dal punto di vista economico, di impiegare l’economia per sviluppare ricchezza finanziaria e realizzare il progetto politico di restaurazione del califfato islamico. L’economia del paese, di conseguenza, ha assistito a un notevole calo, come rivelato dal calo del rating del credito dell’economia egiziana. – L’economia è stata uno dei pilastri della strategia dell’Associazione, dopo la caduta del suo governo, per resistere alle pressioni di sicurezza da un lato e per drenare lo Stato egiziano in una guerra economica a lungo termine dall’altro. È una strategia basata sull’impiego di una complessa rete di istituzioni di cambio, banche e compagnie commerciali e su relazioni intrecciate con mafie di droga, commercianti di valuta, egiziani in paesi stranieri e altri, con l’obiettivo di danneggiare la stabilità economica in Egitto. Questa strategia da parte dello Stato egiziano ha incontrato una fermezza senza precedenti che riflette la sua determinazione a mobilitare tutta la sua energia nel distruggere l’impero monetario dei Fratelli Musulmani emanando una serie di decisioni e leggi che rafforzano la sua presa sulla sicurezza al fine di circondare le fonti che alimentano e smantellano le sue reti. – Il continuo fatto che l’Associazione sia un fattore principale per gli equilibri geopolitici e un punto di intersezione per interessi strategici fa sì che le potenze regionali e internazionali scommettano sulla loro sopravvivenza e le impieghino come carta di pressione politica e di media sui regimi arabi, e ciò significa chiudere un occhio su attività e movimenti proibiti o sospetti legati in particolare all’aspetto finanziario. Piuttosto, Qatar e Turchia considerano l’Associazione un cavallo di Troia per interferire negli affari dei paesi della regione.