publication-banner-image

AED 30.00

ISBN: 978-9948-846-14-7

18 Mag 2020

La Struttura Organizzativa dell’Associazione dei fratelli Musulmani Caratteristiche.. Obiettivi.. Futuro

TRENDS

Available in other languages:

– La struttura organizzativa dei Fratelli Musulmani è nata come incarnazione delle visioni, dei principi e delle basi intellettuali incentrate sul messaggio generale stabilito dal fondatore Hassan Al-Banna, che conferma l’idea dell’inclusività dell’Associazione, come “una chiamata salafita, un metodo sunnita, una verità mistica, un corpo politico, un’idea sociale, un gruppo sportivo, un’associazione scientifica e culturale e un’azienda economica”, poiché questa costruzione, con le sue strutture istituzionali, organizzative e amministrative, ha tenuto il passo con gli obiettivi del gruppo e ha lavorato per tradurli sul terreno, sia all’interno che all’esterno dell’Egitto, soprattutto per quanto riguarda la” rinascita del califfato e della cattedra mondiale”.

– La struttura organizzativa, con le sue strutture istituzionali e amministrative, è di eccezionale importanza per i leader dei Fratelli Musulmani, in quanto è lo strumento principale per tradurre i principi e le idee dell’Associazione sul campo da un lato e per attuare il suo progetto politico per ottenere potere e responsabilizzare la società dall’altro.

– Il ruolo del Murshid (la guida generale) e dei suoi organi affiliati ha acquisito una posizione centrale e dominante all’interno della struttura organizzativa del gruppo, e le caratteristiche generali di ciascun Murshid si sono riflesse in questa costruzione, e la natura del ruolo che gioca nell’attuazione del progetto generale dei Fratelli Musulmani. Inoltre, gli edifici amministrativi ai livelli inferiori (uffici – comitati – dipartimenti) rivestono una grande importanza nella gestione dell’organizzazione, in quanto ne aumentano la flessibilità e la capacità di adattamento, soprattutto in tempi di crisi.

– Il sistema privato rimane il pilastro più importante della struttura organizzativa dei Fratelli Musulmani dal suo inizio fino ai giorni nostri, data la natura del ruolo fondamentale che gioca nel determinare le decisioni fatali dell’Assoicazione da un lato, e perché è all’origine dell’emergere di organizzazioni e gruppi jihadisti estremisti e terroristi dall’altro.

– Mentre la struttura organizzativa e amministrativa indica che l’Associazione dei Fratelli Musulmani è caratterizzata dall’istituzionalizzazione, il metodo di conduzione degli affari del’Associazione tende ad essere individuale e personale, e il dominio del Murshid e dei dirigenti senior nel processo decisionale. Adesempio, il Consiglio della Shura, sebbene si trovi in una posizione avanzata rispetto alla struttura organizzativa e gerarchica dei Fratelli Musulmani, e goda di grandi poteri, questi rimangono limitati e soggetti al grande Murshid generale, e ciò significa che questo consiglio non è altro che una facciata o una forma volta a migliorare l’immagine dell’Associazione in Occidente dando l’impressione che creda nella democrazia moderna.

– Lo sviluppo della struttura organizzativa e amministrativa è stato un riflesso del rapporto tra l’Associazione dei Fratelli Musulmani e i successivi governi egiziani, che non erano a un ritmo uniforme, dove troviamo somiglianza tra i due presidenti, Gamal Abdel Nasser, il cui mandato è stato esteso dal 1954 fino all’inizio degli anni ’70, e l’attuale presidente Abdel Fattah Al-Sisi, che ha iniziato il suo mandato da giugno 2014 ad oggi, poiché questo rapporto è caratterizzato da scontro e conflitto. I risultati più importanti di questa relazione sono stati la riduzione della struttura organizzativa e amministrativa dell’Associazione e una significativa riduzione della sua capacità di mobilitare e mobilitarsi. Mentre gli inizi dei due periodi degli ultimi Presidenti Mohammed Anwar Sadat e Mohammed Hosni Mubarak sono simili nei rapporti con i Fratelli Musulmani, in quanto caratterizzati da apertura, flessibilità e cooperazione. Alla fine dell’era Mubarak, la relazione si era trasformata in uno scontro e le misure legali e di sicurezza che ne derivavano riportarono l’Associazione in un circolo di proibizione e illegalità.

– Mentre la struttura organizzativa e amministrativa dei Fratelli Musulmani è caratterizzata da un lato da alcuni punti di forza, come la continuità, la coesione e l’adattamento, dall’altro soffre di molti squilibri, alcuni dei quali sono legati a conflitti tra i leader dell’Associazione e la nuova generazione di giovani, e alcuni di essi sono legati al controllo dei membri dell’apparato private, oltre all’ambiguità dallo stato nazionale. Inoltre, il processo di promozione all’interno di questa struttura organizzativa si basa su considerazioni di parentela e affinità, e per questo motivo questa struttura non è riuscita a trovare quadri qualificati che potessero gestire gli affari di Stato nell’anno in cui l’Associazione è salita al potere in Egitto (2012-2013).

– L’esame delle ipotesi di forza e debolezza nella struttura organizzativa dell’Associazione dei Fratelli Musulmani ha rivelato che vi sono manifestazioni di potere i cui gradi sono variati a seconda delle variabili interne sociali, politiche e organizzative dell’Associazione dei Fratelli Musulmani, così come molte carenze nella gestione delle crisi e delle sfide che l’Associazione ha dovuto affrontare dal suo inizio fino a dopo la rivoluzione del 30 Giugno 2013.

– La rivoluzione del 30 giugno 2013 ha segnato uno spartiacque nella storia dei Fratelli Musulmani, poiché ha causato un grande scossone nella sua struttura
organizzativa e amministrativa, che ora è in un circolo vizioso di stagnazione, inerzia e vuoto, diventato evidente dall’emergere di crepe e disaccordi tra i leader sul futuro dell’Associazione e su come ricostruire la sua struttura organizzativa. Non ci sono indicazioni che il gruppo sia in grado di riorganizzarsi, soprattutto alla luce dell’isolamento di cui soffre internamente e esternamente.

– Nell’Anno in cui l’Associazione dei Musulmani ha assunto il potere, ha seguito l’esempio dell’esperimento del Partito per la giustizia e lo sviluppo turco nel controllo delle articolazioni dello Stato, ispirandosi anche all’esperienza della Guardia rivoluzionaria iraniana nella creazione di servizi di sicurezza paralleli allo Stato.